Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Facevano la bella vita con carte clonate, arrestati

in manette una coppia di cittadini malesi

La suite al Grand hotel, i vestiti firmati, l’aria di chi vive alla grande: ma in realtà i due malesi arrestati dai carabinieri dopo l’ennesimo acquisto in una gioielleria di Piazza di Spagna, facevano la bella vita usando carte di credito clonate. Alla stazione di San Lorenzo in Lucina, sabato, erano arrivate un paio di segnalazioni relative a una coppia che, nel giro di poche ore, aveva speso 100.000 euro con una naturalezza sospetta: 24 anni lui, qualcuno in più, 31, lei, entrambi provenienti dalla Malesia e con evidente carta bianca sugli acquisti.

Nel giro di poche ore avevano comprato bracciali e orologi per 50.000 euro; non soddisfatti, il giorno dopo anziché godere delle meravigliose antichità che la città eterna offre, hanno preferito nuovamente recarsi a Piazza di Spagna per comprare altri due orologi, stavolta Rolex, per altri 50.000 euro. Peccato, per loro, che dopo i saluti sorridenti dei commessi, ad attenderli fuori ci fossero i Carabinieri della stazione di San Lorenzo in Lucina che, dopo averli accompagnati in albergo, hanno proceduto ad una perquisizione nella suite occupata dai malesi. E scoperto che di carte di credito, clonate, ce ne erano ben 38. I due, peraltro, erano in contatto con alcune persone, in Malesia e, quindi, difficilmente identificabili, che li consigliavano sugli acquisti da effettuare. Forse, dunque, i due agivano su ordinazione per conto di altri, godendosi, comunque, una lussuosa vacanza. Che è durata poco e finita male: entrambi soggiornano ora a Rebibbia in attesa di essere processati per utilizzo fraudolento di carte di credito.

[19-01-2015]

 
Lascia il tuo commento