Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Appalti truccati per la gestione delle spiagge ad Ostia

imprenditori e pubblici ufficiali avrebbero pilotato alcune concessioni

Ancora un duro colpo alla criminalità organizzata del litorale romano. In un’operazione coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, polizia, carabinieri e guardia costiera hanno scoperto un sistema di appalti truccati per la gestione delle spiagge. Il periodo di riferimento va dal gennaio 2011 all’aprile 2013.

Imprenditori e pubblici ufficiali avrebbero pilotato la gestione degli appalti per la concessione di stabilimenti balneari. Un sistema che, attraverso mazzette a funzionari pubblici compiacenti, consentiva l’assegnazione degli appalti a società riconducibili ai clan. A finire in manette sono finiti, tra gli altri, Armando Spada, esponente del clan omonimo, assieme a quello dei Fasciani, l’ex direttore dell’ufficio tecnico del municipio di Ostia, Aldo Papalini, che avrebbe sbrigato pratiche in cambio di mazzette. Gli indagati dovranno rispondere, a vario titolo, di abuso d’ufficio, falsità ideolgica, concussione e corruzione con l’aggravante del metodo mafioso.

"Ci sono delle consorterie mafiose sul territorio di Ostia -spiega Renato Cortese, capo della squadra Mobile di Roma-. Sono gruppi che, oltre alle varie attività criminali che gestiscono, cercano di manipolare anche appalti attraverso la compiacenza di funzionari pubblici infedeli. In questa occasione abbiamo documentato la vicenda dello stabilimento balneare "Orsa Maggiore". Una vicenda emblematica che dimostra la tracotanza ed il potere criminale di questi soggetti che nel giro di 10 giorni hanno tolto, revocato la concessione demaniale a chi gestiva lo stabilimento per poi darla ad una società costituita ad hoc".

Sotto la lente di ingrandimento ci sono anche altri dodici appalti effettuati ad Ostia tra il 2009 e l'aprile 2014. In particolare i sospetti riguardano i lavori di recinzione della spiaggia libera di Castelporziano, la riparazione dei giochi per bambini nelle aree verdi, il consolidamento di alcune strade, i lavori d’urgenza per la messa in sicurezza dell'ex scuola Gil, la sistemazione di piazza della Stazione Vecchia, i lavori su vie e marciapiedi di Centro Giano e San Giorgio ed il dragaggio del Canale dei Pescatori.

[04-11-2014]

 
Lascia il tuo commento