Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Compidoglio, ecco i tagli alla spesa

salario accessorio tagliato del 15%? Il vicesindaco smentisce. Tagli a cultura e servizi sociali

La bozza per il piano di rientro del Campidoglio è pronta ed il neo assessore al bilancio Scozzese pare avere le idee chiare per portarlo avanti con la benedizione di sindaco e maggioranza.La bozza prevede in sostanza quello che ti aspetti: risparmi, cioè tagli alla spesa, ovvero ancora al personale. Niente più turnover, sebbene il 40% di quel che si risparmia concorra a finanziare le politiche per il rinnovo deie dipendenti. E il salario accessorio? Tagliato del 15% che tradotto in moneta sonante sono circa 27 milioni di euro. Questa notizia è stata smentita in mattinata da Nieri, il vicesindaco, che ha parlato di voci infondate che creano confusione. Il vicesindaco però si riferisce alla sola questione del salario accessorio. E il resto?

Il resto parla di altre riduzioni. In primis per i compensi dei dirigenti: da 50 a 45 milioni la spesa complessiva. E qui, forse, qualcosina in più si poteva anche fare. Ma i tagli più consistenti li subiranno cultura e servizi sociali. Quella che dovrebbe rappresentare la marcia in più di una città d’arte e antichità, appunto la cultura, subirà una sforbiciata di quasi il 20%, passando dagli attuali 58 ai 48 milioni di euro. Ai servizi sociali va pure peggio: il taglio sarà di 26 milioni. Il piano parlerebbe pure di altri risparmi che si dovrebbero avere con la ricontrattazione degli affitti che il Comune paga per le sedi dislocate, e che dovrebbero portare ad un risparmio complessivo di 20-25 milioni di euro. Capitolo aziende: il Comune si sfilerà progressivamente da alcune societa’ partecipate, riducendo i costi per 30 milioni. Solo ATAC, pare, invece di vedere le forbici avrà fondi in più: 13 milioni per migliorare il servizio di trasporto pubblico capitolino costantemente al centro di polemiche. Il piano di rientro deve essere presentato il 31 luglio: è lecito aspettarsi da ora in poi manifestazioni quotidiane. Ce n’è già uno in programma, venerdì: quello dei vigili urbani.

[18-06-2014]

 
Lascia il tuo commento