Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sicurezza stradale a Roma, proposta di delibera

i numeri degli incidenti in cittā sono ancora da conflitto bellico: 1 morto ogni 17.000 abitanti

La sicurezza stradale resta una priorità dell’amministrazione Marino, nonostante i numeri degli incidenti a Roma raggiungano ancora cifre da conflitto bellico: nel 2012 15.782 incidenti di cui 145 mortali, 20.670 feriti. Il costo sociale degli incidenti stradali nel Lazio resta altissimo, con un tributo annuo pro capite di 722 euro.
Il consigliere capitolino Dario Nanni ha presentato oggi una proposta di delibera per cercare di ridurre gli incidenti stradali e migliorare la sicurezza di automobilisti, motociclisti e pedoni.

Tra le proposte l'istituzione di un gruppo di lavoro per la redazione del programma strategico per la sicurezza stradale, l'aumento delle aree pedonalizzate e introduzione attraversamenti pedonali rialzati, l'istituzione "Zone 30", aree della rete stradale dove il limte di velocità è di 30km/h invece dei normali 50km/h e ancora un'intensificazione delle pratiche di buona educazione stadale tra i giovani e l'apertura di uno sportello telematico che raccolga le segnalazioni dei cittadini. La delibera prevede interventi e richieste sia di carattere locale che nazionale. "Un'altra questione importante è l'art. 208 del codice della strada che prevede che parte dei proventi delle multe vada utilizzata in maniera vincolate per la sicurezza stradale" ha detto Dario Nanni. Il presidente della commissione capitolina Lavori pubblici ha aggiunto: "Questo fino ad oggi non è mai avvenuto e noi invece crediamo che si rispetti la legge".

Per Guido Improta, assessore capitolino alla Mobilità, bisogna lavorare soprattutto nell’ambito comportamentale e culturale. Guidare a Roma diventa spesso infatti una guerra per la conquista fisica dello spazio pubblico.

[04-06-2014]

 
Lascia il tuo commento