Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

39 milioni di fondi per decoro pubblico, mobilitÓ e beni culturali

26 nuovi progetti per Roma

Sono stati presentati 26 progetti per la riqualificazione e la viabilità della città. Le nuove opere pubbliche verranno finanziate con i 38 milioni e 580 mila euro provenienti dalla rimodulazione dei fondi della legge Roma Capitale 396/90.

L’elenco delle opere è stato presentato dal sindaco di Roma, Ignazio Marino, dal presidente della Commissione Roma Capitale, Gianni Paris, dal presidente dell'assemblea capitolina, Mirko Coratti, e dall'assessore ai Lavori pubblici, Paolo Masini.

Tra i progetti che riguardano i beni archeologici è prevista la riqualificazione di piazza Augusto Imperatore(4.900.000), il cofinanziamento per allestimento, restauro e scavi al Mausoleo di Augusto (2.275.000), la valorizzazione delle ville romane del Parco di Centocelle (1.300.0000), il restauro del Tempio del Divo Claudio al Celio (800.000), la sistemazione di Villa Gordiani e il restauro Mauseleo (950.000), il restauro fontana delle Rane di piazza Mincio (500.000), il restauro dell'Antiquarium Celio (1.000.000). Sul fronte del decoro urbano e la viabilità tra i progetti previsti dalla delibera ci sono la riqualificazione di piazza Porta Pia (2.192.000 euro), il recupero dell'ex Forte Portuense (4.140.000), la riqualficazione Piazza Testaccio (350.000), viabilità collegamento Monte Stallonara-Ponte Galeria (1.930.000), cofinanziamento Prenestina bis (4.733.874), rotatorie svincolo Magliana-Magliana Nuova (1.580.000), costruzione collettore Marranella II-III, raddoppio via Portonaccio (3.000.000).

L'impatto effettivo della manovra supera i 65 milioni, ai 38.579.987 euro recuperati dalla Commissione Roma Capitale infatti va aggiunto un fondo di 1.587.898 euro proveniente dalla Soprintendenza di Stato di Stato sui Beni culturali, inizialmente destinato ad altri interventi e finanziamenti non più utilizzabili per le opere sulle quali erano stati allocati. “Sono sicuro che questa manovra possa dare una spinta necessaria a far ripartire questa città attraverso la cura della città, dal centro alla periferia" ha commentato Gianni Paris, al quale il sindaco Marino ha espresso gratitudine, commentando: “E' un lavoro straordinario condotto in poche settimane dal presidente Paris e da una commissione che ha voluto comprendere, con un voto unanime, di quanto fosse importante utilizzare dei fondi rimasti dormienti. Con questi 39 milioni si possono spendere altri soldi per un totale di 65 milioni di euro che immediatamente, dopo l'approvazione dell'aula e della ratifica del Ministero delle Infrastrutture, si trasformeranno in opere cantierabili. Auspico che tutto questo avvenga con il visto del ministero le prossime settimane in modo da avere i cantieri aperti durante l'estate".

[30-05-2014]

 
Lascia il tuo commento