Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Aggressioni Olimpico, con De Santis commando di almeno 4 persone

l'ultrÓ romanista resta in carcere. Il Gip: "natura incontenibile e violenta". Roma - Juve si gioca alle 17:45

Ci sarebbero state almeno altre quattro persone, con il volto coperto da caschi, insieme all'ex ultrà romanista Daniele De Santis quando è avvenuta la sassaiola, con lancio di petardi, contro un bus con i tifosi del Napoli in transito verso lo stadio Olimpico in vista della finale di Coppa Italia di sabato scorso. Ne sono convinti i pm dopo aver ascoltato i testimoni.

Da quella sassaiola sono iniziati gli scontri ed i tafferugli con i tifosi del Napoli, poi sono partiti gli spari che hanno portato al grave ferimento di Ciro Esposito, il tifoso partenopeo ancor ricoverato in gravi condizioni al Policlinico Gemelli.

De Santis resta in carcere - Intanto Daniele De Santis resta in carcere. L’ex ultrà romanista è accusato di aver ferito, sabato scorso, a colpi di pistola tre tifosi napoletani. Secondo il Gip la sua è una "natura incontenibile e specialmente violenta, la comprovata incapacità a misurare la gravità delle proprie azioni ed un generale atteggiamento di sfida nei confronti dell’ordinamento e delle sue regole". Lo scrive il gip Giacomo Ebner sostenendo come "ogni altra misura, al di fuori della custodia cautelare in carcere, risulti inadeguata". Per il magistrato, "allo stato della documentazione in atti, si ritiene individuato in De Santis l’autore dei colpi d’arma da fuoco".

Roma - Juve si gioca alle 20:45 - La partita Roma-Juve sarà anticipata alle 17:45. Lo ha stabilito il Prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro dopo aver consultato la Lega Calcio, l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive e i rappresentanti provinciali delle forze di polizia.

[08-05-2014]

 
Lascia il tuo commento