Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Canonizzazioni, il bilancio della giornata

i due Santi saranno ricordati nel mese di ottobre

I due nuovi santi della Chiesa cattolica saranno ricordati a distanza di undici giorni l’uno dall’altro ed entrambi nel mese di ottobre. La festa di Giovanni XXIII cadrà il giorno 11, anniversario dell’inizio del Concilio Vaticano II aperto dal Papa buono e Papa della pace 50 anni fa. La data che riguarda Giovanni Paolo II è stata fissata per il 22 ottobre, inizio del Pontificato del primo Papa polacco.

Un evento che forse non si ripeterà mai più nella storia quello che ha catapultato gli occhi del pianeta sulla città eterna: seimila sacerdoti, mille vescovi e centocinquanta cardinali sul sagrato, due Papi vivi a celebrare la cerimonia religiosa più importante la che storia recenti ricordi, 93 delegazioni ufficiali stranieri.Due miliardi di persone si sono collegate da ogni angolo del globo via satellite, un milione di fedeli distribuiti tra San Pietro, via della Conciliazione, le vie che abbracciano Castel Sant’Angelo e le piazze del centro individuate per riunire i pellegrini che non sarebbero riusciti a raggiungere il Vaticano. Un mare di puntini colorati, il fiume umano visto dall’alto: da vicino tanti volti, tanti sguardi, tante storie che si intrecciano. Voci che arrivano da ogni continente. I più numerosi sono loro, i polacchi con le bandiere bianche e rosse e gli abiti tradizionali: un popolo intero arrivato sotto il Cupolone per rendere omaggio al Papa venuto dall’est che sarà sempre ricordato come il Papa missionario. Tanti i giovani stranieri e delle parrocchie italiane che hanno trascorso la notte a terra infilati in un sacco a pelo.

Molti anche gli ex giovani, quelli che hanno segnato la loro adolescenza con l’esperienza forte e profonda delle Giornate mondiali della gioventù. “Tutto è filato liscio” ha detto il sindaco Ignazio Marino a fine giornata.
Il dispiegamento delle forze è stato imponente, con 2.400 agenti di polizia in più, 2mila vigili, 2.630 volontari della protezione civile, che hanno distribuito 4 milioni di bottigliette d’acqua, 14 punti medici avanzati del 118, decine di mezzi di soccorso e 1.200 operatori dell’Ama impiegati per ripulire le strade.

[28-04-2014]

 
Lascia il tuo commento