Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Amianto, l'Ona presenta il piano nazionale

in Italia ci sono ancora ben 32 milioni di tonnellate di materiali contenenti amianto

Con l'amianto non si scherza. In Italia il problema resta di seria entità e secondo i dati forniti dall'Ona, l'Osservatorio nazionale amianto, ci sono ancora 32 milioni di tonnellate di materiali contenenti amianto in matrice compatta, cui si aggiungono alcuni milioni di tonnellate di amianto friabile.

Ogni anno si contano circa 5.000 decessi a causa di patologie correlate all'asbesto. L'Osservatorio nazionale amianto ha presentato un Piano Nazionale Amianto alternativo a quello approvato dal Governo Monti nel corso del Consiglio dei Ministri dell'8 aprile 2013. Un piano che "si propone di agire su tre direttrici: prevenzione primaria, attraverso la bonifica dei siti contaminati per evitare future esposizioni; prevenzione secondaria, ovvero diagnosi precoce per una migliore terapia e cura delle patologie asbesto correlate; epidemiologia, per mettere in evidenzia il fenomeno in atto che consta di circa 5.000 morti l'anno di cui 1.500 per mesotelioma, 3.500 per tumore polmonare e il resto per altre patologie asbesto correlate, e così assicurare giustizia per le vittime e punizione per i colpevoli", spiega Ezio Bonanni, presidente Ona. Un piano alternativo a quello del governo Monti "approvato dal Consiglio dei Ministri ma non dalle Regioni e, quindi, che non ha avuto esecuzione - aggiunge Bonanni - Quel piano si fondava essenzialmente sulla mappatura dei siti contaminati e sulla sensibilizzazione del problema senza affrontare la necessità di decontaminare i luoghi di vita e lavoro dall'amianto, facendo leva anche sulla questione fiscale della detraibilità delle spese, l'utilizzo di fondi strutturali europei e piani di finanza attraverso la Cassa Depositi e Prestiti". Di quel piano, aggiunge il presidente dell'Osservatorio nazionale amianto, "abbiamo criticato il fatto che non si ponesse mano alla bonifica, bonifica che si può realizzare attraverso un piano nazionale di rilancio infrastrutturale e di produzione industriale attraverso il rinnovo dei macchinari all'interno delle fabbriche, rendendole più efficienti, produttive, sicure e meno dannose per l'uomo e per l'ambiente". Il nuovo Piano Nazionale Amianto dell'Ona sarà al centro della seconda conferenza internazionale dal titolo "Lotta all'amianto: il diritto incontra la scienza", il 20 e 21 marzo presso la Camera dei deputati e la Regione Lazio. Stesse date per l'avvio della discussione del piano, sottoposto a tutte le forze politiche nazionali.

[19-03-2014]

 
Lascia il tuo commento