Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Lazio, i dati del lavoro nero

secondo un'inchiesta della Uil di Roma e Lazio i lavoratori irregolari sarebbero circa 50.000

Per l'Inps sono dei fantasmi, non esistono. Non hanno diritti e vivono nell’attesa di una chiamata, di una giornata di lavoro. Spesso sono giovani, spesso padri di famiglia, molti sono immigrati. E’ l’esercito dei lavoratori che sono pagati a nero, un esercito che cresce parallelamente alla disoccupazione. Meno consumi, meno produzione, meno servizi, meno contratti di lavoro. Se si vuole portare a casa qualche soldo sempre più frequentemente si è costretti ad accettare condizioni da quarto mondo.

Secondo un’inchiesta della Uil di Roma e del Lazio che ha incrociato i dati di Inps, Inail, Guardia di Finanza, Carabinieri e Ministero del Lavoro, nel Lazio i lavoratori irregolari sarebbero circa 50mila, di cui oltre diecimila e duecento completamente in nero, 7mila presterebbero la loro manodopera solo nella capitale. Ma in realtà i numeri di un fenomeno difficile da monitorare proprio perché sommerso, sarebbero di gran lunga più elevati. Secondo la Uil si arriverebbe a 250mila irregolari nella nostra regione, quarta nella classifica nazionale. Il settore più a rischio è il terziario, seguito dall’edilizia e dall’agricoltura.

Proprio al settore agroalimentare è stato dedicato un recente studio della Flai Cgil che ha messo in evidenza il dramma dei senza volto; un fenomeno che si sovrappone spesso a quello di altri fenomeno illegali come quello del caporalato, della tratta di esseri umani, della riduzione in schiavitù e dell’infiltrazione di criminalità organizzata nella gestione della manodopera. I lavoratori impiegati in agricoltura nel sono complessivamente 37mila e quattrocento: ma secondo l’Istat il Lazio avrebbe conquistato la maglia d’oro per la percentuale di lavoro sommerso con oltre 15mila invisibili impiegati illegalmente nella campagne laziali. Persone retribuite con salari bassissimi per dieci/dodici ore di lavoro al giorno, ospitati in alloggi che assomigliano a tuguri.

[04-03-2014]

 
Lascia il tuo commento