Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Via Poma, assolto in via definitiva Raniero Busco

la sentenza della Cassazzione. Non ci sono prove valide che inchiodavano Busco

Raniero Busco, l’ex fidanzato di Simonetta Cesaroni è stato assolto in via definitiva dalla Cassazione. La sentenza è arrivata questa sera intorno alle 21:00. Busco in lacrime ha commentato “E’ la fine di un incubo”. Secondo la Cassazione non c’erano prove valide che inchiodavano Raniero Busco.

Resta quindi ancora senza un nome l’omicida della giovare ragazza romana, il corpo di Simonetta Cesaroni straziato da 29 ferite inferte con un tagliacarte era stato trovato il 7 agosto del 1990 nel palazzo di via Carlo Poma n°2.
A questo grado di giudizio si arriva dopo due verdetti: l’uomo è stato ritenuto colpevole in primo grado nel 2011, innocente nel processo d’appello del 2012. la cassazione si è espressa sull’attendibilità delle perizie tecniche. Ancora oggetto di attenzione è quel presunto morso sul petto della ragazza, con una dentatura compatibile o non compatibile con quella di Busco.

Negli anni furono accusati il portiere delo stabile Pietrino Vanacore, morto suicida 4 anni fa, e il nipote di un inquilino, Federico Valle. Fin dall’inizio pare che le indagini furono mal gestite. E a pagarne sono stati i tempi della giustizia.

 
 

[26-02-2014]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE