Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Associazionismo, chiude call center Alzheimer

i malati nella nostra regione sono 36.000

Chiude i battenti il call center "Alzheimer ogg". Una struttura legata al sociale "che da oltre dieci anni era diventato un punto di riferimento fondamentale per le famiglie e i malati di Alzheimer. Il centro -fanno sapere dal Centro Servizi per il Volontariato del Lazio- è stato chiuso dal Comune di Roma. Gestito dall'Associazione Alzheimer Uniti Roma onlus e dall'Associazione Alzheimer Roma onlus, in questo periodo ha risposto a oltre 11 mila chiamate, e costava 50.000 euro l'anno.

I numeri dei malati di Alzheimer nella nostra regione restano allarmanti: sono quasi 36.000 i soggetti colpiti dalla malattia e si attendono circa 14 mila nuovi casi l'anno. "Sempre di più ci troviamo davanti un welfare che esclude e che dimentica i diritti: il welfare infatti non dovrebbe essere solo assistenza, ma declinazione della qualità della vita - sostiene Francesca Danese, presidente Cesv - Non c'è un disegno condiviso sulle politiche sociali, che permetta al volontariato di collaborare con l'Amministrazione. È all'interno di questa mancanza che viene chiuso anche questo servizio, mentre altri non riescono a nascere".

Nel tardo pomeriggio il presidente della commissione Politiche Sociali di Roma Capitale Erica Battaglia ha incontrato le associazioni “Alzheimer Uniti Roma onlus” e “Alzheimer Roma Onlus”. “L'incontro è stato utile anche per dare certezza sull'avvio, quanto prima, -ha detto Battaglia- di un tavolo per un Piano regolatore sociale della città”. “Diamo la disponibilità del Dipartimento ad una soluzione amministrativa condivisa e l’avvio di un percorso in Assessorato che tenga conto del valore di tanti operatori,  volontari e professionisti del sociale.

[19-02-2014]

 
Lascia il tuo commento