Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Truffa al bancomat, cinque arresti

un metodo quasi infallibile che aveva come vittime persone anziane

“Signora, guardi che le è caduta una banconota”. Era con questo escamotage che una banda di quattro donne e un uomo avvicinava le vittime dopo che avevano prelevato denaro ai bancomat. La banda era composta da rumeni, mentre le vittime erano soprattutto donne anziane. Con la scusa di aiutarle, le vecchiette venivano avvicinate e derubate.

Questo era il modus operandi: un uomo faceva da palo, non facendo avvicinare persone che potevano disturbare il loro piano; una donna matura, dall’aspetto insospettabile, si sporgeva per carpire il codice segreto che la vittima digitava e lo annotava; una ragazza distoglieva la vittima nel momento in cui stava per ritirare la carta dallo sportello, ad operazione ultimata, facendo notare che gli era caduta una banconota a terra che lei stessa aveva posizionato; un’altra ragazza nel momento in cui la vittima si abbassava per prendere la banconota a terra, ritirava la carta bancomat appena utilizzata e ne lasciava un’altra rubata. Le carte bancomat così rimediate con i codici carpiti dalla complice, venivano poi adoperate presso gli stessi sportelli bancomat o presso altri, prosciugando i conti delle malcapitate vittime prima che potessero accorgersi del furto e bloccarle. Ad arrestate i 5 rapinatori i  Carabinieri della Stazione Roma Flaminia. Secondo le ricostruzioni, potrebbero essere stati 50 i colpi messi a segno.

[14-02-2014]

 
Lascia il tuo commento