Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Regione. Cimice sotto poltrona Zingaretti. Presidente spiato

Zingaretti a colloquio da Pignatone. La microspia artigianale, non appartiene alle forze dell'ordine

"Un fatto inquietante" che potrebbe scuotere la Regione, l'ha definito così il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che questa mattina, durante una bonifica, ha scoperto di essere spiato. E' stata infatti trovata una microspia nascosta sotto la sedia del Presidente, proprio nella sala riunioni della giunta regionale, in via Cristoforo Colombo. "Gli investigatori ci hanno segnalato che non si tratta di un apparecchio in uso a forze dell'ordine. -ha detto Zingartetti-. È stata trovata in un posto dove si prendono decisioni importanti. Non fa piacere essere spiati ma io sto a posto con la mia coscienza".

Dopo il ritrovamento della microspia nella sala riunioni della giunta regionale, il presidente Nicola Zingaretti è andato a piazzale Clodio per parlare con il procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone. L'apparecchio ricetrasmittente, secondo quanto si è appreso, era di fattura dozzinale, costruito artigianalmente e non appartenente alle forze dell'ordine.

Un episodio analogo era accaduto nell'aprile del 2011 quando Renata Polverini, l'allora presidente della Regione Lazio, denunciò il ritrovamento di microspie. Si seppe poi che quelle cimici erano riconducibili alla Procura di Velletri.

[20-01-2014]

 
Lascia il tuo commento