Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Il Natale dei Vigili: pių multe e controlli serrati

una circolare del nuovo comandante Modafferi invita la "repressione" delle soste irregolari

I vigili di Roma Capitale durante le festività saranno sguinzagliati per le vie commerciali per punire la sosta selvaggia. Il piano straordinario contro i romani indisciplinati è il biglietto da visita di Raffaella Modafferi, il nuovo vicecomandante voluto da Raffaele Clemente con fama di lady di ferro ma che certamente non gode del favore dei rappresentanti sindacali del Corpo, sugli scudi dal secondo successivo alla nomina. La ex comandante del VII gruppo tuscolano, lo scorso venerdì ha inviato una comunicazione a tutte le unità operative della Capitale per chiedere nel periodo delle feste natalizie un servizio straordinario di prevenzione e repressione delle soste irregolari, in particolar modo della seconda fila. Nulla da eccepire: il codice è il codice e chi parcheggia male o in seconda fila merita di essere sanzionato.

Peccato, tuttavia, vedere tutto questo sforzo sempre indirizzato nella repressione di un fenomeno che in una città come Roma, dove il trasporto pubblico è insufficiente e difficilmente fruibile, è una necessità piuttosto che un lusso. L’accanimento contro la seconda fila è buono e giusto, ma deve essere rispettato sempre e ovunque, non solo quando si ha la certezza di fare facilmente cassa. Di segnalazioni ne arrivano tante, l'ultima da Piazzale Ardeatino dove la seconda fila continua ad essere il pane quotidiano così come il parcheggio che si forma in mezzo alla carreggiata, pericoloso perché a ridosso di un semaforo. Di vigili neppure l’ombra, e così avviene in tante altre strade di Roma che invocano attenzione quotidiana, quella che non consente furbizie e da’ l’impressione che la regola valga una volta all’anno per cui, in fondo, alla fine il rischio è relativo. Il compito di un corpo di polizia locale efficiente deve essere quello di farsi percepire come forza protettiva, e non solo coercitiva, alleata piuttosto che vessatoria, quotidiana anziche’ sporadica. La realizzazione di questo principio sarebbe realmente straordinario, altro che questo piano, un modesto e ordinario compitino per fare cassa.

[03-12-2013]

 
Lascia il tuo commento