Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Manifestazione 19 ottobre, conta dei danni. 15 fermati per gli scontri

Roscioli: "per i commercianti stimo un calo di fatturato di 2 milioni"

Si fa la conta dei danni al termine della manifestazione del 19 ottobre: tra vetrine rotte ed incassi mancati da parte di commercianti. Dal punto di vista della sicurezza alla fine il bilancio degli scontri e dei tafferugli all'altezza di via XX Settembre e via Napoleone III è di 15 persone fermate.

La dinamica degli scontri - Un gruppo di manifestanti ha tentato di raggiungere la sede di Casapound , in via Napoleone III, dove erano schierati esponenti di estrema destra. Le forze dell'ordine hanno respinto un gruppo di persone a volto coperto per evitare il contatto tra frange estremiste. In via XX settembre, di fronte al ministero dell'Economia, si sono registrati gli scontri più accesi con un lancio di sassi ed oggetti contro delle camionette della Guardia di Finanza. Anche in questo caso l'aggressione è partita da un gruppo di persone a volto coperto, con caschi e alcuni armati di mazze e bottiglie. Cariche di alleggerimento della Guardia di finanza hanno permesso la dispersione dei facinorosi. Il corteo si è quindi sfilacciato fino all'arrivo in piazza Porta Pia. E' chiaro che ancora una volta, come accadde il 15 ottobre, un gruppo di infiltrati con il chiaro scopo di creare disordini, è entrato in azione a metà del corteo. Questa volta per fortuna, e grazie anche ad un saggio schieramento e comportamento delle forze dell'ordine i danni e gli scontri sono stati ridotti rispetto a due anni fa.




Commercianti - Con l'accampamento in piazza di Porta Pia i negozianti non hanno rialzato le saracinesche neanche domenica dovendo registrare due giornate di incassi zero. Una vera serrata nella giornata di sabato che da San Giovanni fino a Porta Pia coinvolgendo per l’intero fine settimana gli esercizi commerciali della zona. Secondo il presidente di Confcommercio Giuseppe Roscioli "tra chi ha perso mezza giornata di profitti per la chiusura, chi la giornata intera e chi due, stimo un calo complessivo dei fatturati di circa 2 milioni di euro. Stamattina le strade di Porta Pia erano chiuse e molta gente è rimasta a casa. Rinnoviamo l’appello a spostare le manifestazioni alla domenica per limitare l’impatto su Roma".

[21-10-2013]

 
Lascia il tuo commento