Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Corteo No-Tav, movimenti lotta per la casa e antagonisti. Roma si prepara

la manifestazione al via a partire dalle 14:00 da San Giovanni. l'arrivo a Porta Pia

Dal palco di piazza San Giovanni, al termine della manifestazione dei sindacati di venerdì, hanno annunciato l'assedio dei palazzi del potere. I movimenti di lotta per la casa, gruppi No - Tav e antagonisti, esponenti di centri sociali protestano oggi contro le politiche di rigore dell'Europa. La promessa dei manifestanti per sabato 19 ottobre è quella di arrivare fino in fondo e non lasciare Porta Pia, dove il corteo arriverà nel tardo pomeriggio, dopo la partenza da piazza San Giovanni. L'obiettivo dichiarato dai manifestanti è quello di "assediare i ministeri" e di restare in piazza. Proprio a pochi metri dal luogo di arrivo, vicino a porta Pia, c'è il ministero delle Infrastrutture, in via XX settembre c'è invece il dicastero dell'Economia.

Le forze dell'ordine hanno da tempo cerchiato in rosso la data del 19 ottobre poiché si ritiene sia una delle manifestazioni più pericolose dell'anno. Per questo sono stati schierati circa 4.000 agenti e 210 funzionari dell'ordine pubblico che saranno dislocati, insieme a mezzi blindati nei punti di passaggio del corteo: via Merulana, via Cavour, Stazione Termini, via XX settembre, piazza Indipendenza, viale di Castro Pretorio e davanti a Porta Pia. Le forze dell'ordine hanno "bonificato" fino a questa mattina il percorso del corteo: sono stati rimossi cassonetti, oggetti che potrebbero essere usati come armi come cartelli stradali mobili. Ieri durante i controlli, vicino ad uno degli obiettivi sensibili, sono stati fermati 5 cittadini francesi dai 20 ai 41 anni con precedenti per terrorismo. Non avevano con loro i telefonini, un segnale secondo la questure che indica che i 5 non volevano essere rintracciati. Sono stati rimandati in Francia con un provvedimento amministrativo della Questura. Solo oggi si capirà l'effettiva pericolosità dei manifestanti: la Digos teme "professionisti del disordine", gruppi di infiltrati provenienti da Turchia, Spagna, Grecia e Nord Europa.

[19-10-2013]

 
Lascia il tuo commento