Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Carabinieri scoprono organizzazione che sfruttava immigrazione

minorenni in fuga dall'Egitto sequestrati a Roma, due arresti

I Carabinieri della Compagnia di Roma Casilina hanno scoperto una piccola organizzazione con base a Roma, composta da due cittadini nordafricani di 24 e 34 anni, che si occupava di far emigrare profughi clandestini egiziani che, una volta sbarcati in Sicilia, venivano trattenuti a Rome come degli ostaggi e rilasciati solo dietro compenso da parte dei parenti rimasti in patria. Le indagini dei militari dell’Arma sono iniziate dalla denuncia di un cittadino egiziano che ha raccontato di due suoi connazionali, di 16 e 17 anni, sbarcati clandestinamente a Catania nelle settimane precedenti e si trovavano a Roma trattenuti da due egiziani all’interno di un’abitazione. La banda di malviventi avrebbe rilasciato i due ostaggi solo dopo un pagamento effettuato tramite bonifico, da parte dei genitori in Egitto, di 5mila euro per ogni persona rilasciata. I militari della stazione dei Carabinieri di Roma Quadraro e i militari del Nucleo Operativo di Roma Casilina hanno scoperto l’abitazione in via dei Sulpici, in zona Tuscolano. Lì, all’interno di una stanza chiusa a chiave, hanno trovato i due ragazzini sono stati affidati ad un centro di prima accoglienza. I due malviventi, accusati di sequestro di persona a scopo di estorsione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, sono stati portati nel carcere di Regina Coeli.

[02-10-2013]

 
Lascia il tuo commento