Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Favorivano l'ingresso illegale in Italia a cittadini stranieri, 7 persone arrestate

Altre 27 sono state denunciate nell'operazione denominata "Colf Agency"

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma Eur hanno arrestato 7 persone (6 in carcere e 1 agli arresti domiciliari) pregiudicate, di età compresa tra i 35 e i 53 anni, resesi responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata a commettere una pluralità di delitti diretti a favorire l’illegale ingresso sul territorio nazionale di cittadini stranieri privi dei requisiti richiesti dalla normativa sul soggiorno. Sono state denunciate a piede libero altre 27 persone, tra cui due donne, coinvolte a vario titolo nelle attività illecite del sodalizio.

L’indagine prende avvio agli inizi del 2011 quando, nel corso dell’ascolto delle intercettazioni telefoniche disposte nell’ambito di un altro procedimento penale, venivano captate alcune conversazioni nelle quali emergeva in maniera inequivocabile che un gruppo di soggetti composto prevalentemente da cittadini italiani, operando illecitamente da diversi anni ed in totale sincronia tra loro, consentiva a molti cittadini extracomunitari e clandestini di usufruire, senza averne diritto, dei benefici previsti dalla legge di condono per la regolarizzazione di colf e badanti, nonché dei flussi migratori annuali. Il giro d’affari del sodalizio criminale era di circa 30.000 euro al mese; una cifra che poteva variare in funzione del numero di stranieri regolarizzati poiché ognuno di questi doveva corrispondere all’organizzazione la somma complessiva di Euro 3000,00 così ripartite: 1.000 euro subito; 1.000 all’atto della consegna all’interessato del nulla osta rilasciato dallo Sportello unico per l’Immigrazione della Prefettura; 1.000 ad avvenuta concessione del permesso da parte dell’Ufficio Stranieri della Questura.


[01-10-2013]

 
Lascia il tuo commento