Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio Scaglioni risolto dopo 23 anni

eseguite dai Carabinieri due ordinanze di custodia cautelare, Scaglioni fu assassinato il 21 ottobre del 1990

A distanza di 23 anni i Carabinieri risolvono l’omicidio di Antonello Scaglioni, ucciso il 21 ottobre del 1990 in un circolo sportivo in via Salaria. Scaglioni fu freddato con otto colpi di pistola da un commando di tre uomini mentre era all’interno del circolo sportivo "Zeffiro Country Club" dove gestiva un bar.

Già all’epoca la pista che seguirono i Carabinieri fu quella della droga. Scaglioni infatti, per il clan siciliano dei Rinzivillo, faceva da corriere di eroina. Era però ritenuto inaffidabile dal capo clan “gelese” Antonio Rinzivillo che ne ordinò l’assissinio. La fuga dei tre sicari si concluse però con un incidente rocambolesco che distrusse l’auto rubata sui quali fuggivano. I tre lasciarono la pistola nell’autovettura e furono rinvenute tracce di sangue. Le recenti dichiarazioni di un pentito che aiuto’ all’epoca i tre a lasciare roma hanno portato all’individuazione di Marco Salinitro, 49 enne, come uno dei tre sicari. Il dna, analizzato dai Ris dei carabinieri, corrisponde a quello di Salinitro. I carabinieri hanno quindi eseguito un ordinanza di custodia cautelare in carcere sia nei confronti del presunto esecutore Marco Salinitro che del mandante Antonio Rinzivillo, all’epoca dell'omicidio latitante e poi arrestato, per altri 8 omicidi, nella zona di Prima Porta. Entrambi, pluripregiudicati, sono già in carcere, a seguito di altre condanne. Sono invece indagati gli altri due presunti componenti del commando e si stanno acquisendo elementi che possano dimostrare o meno la loro partecipazione all’omicidio scaglioni del 21 ottobre del ’90.

[27-09-2013]

 
Lascia il tuo commento