Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Polizia Locale di Roma Capitale, grana pensionamenti e nomina comandante

Marino non ha ancora deciso per la nomina del nuovo comandante

Ignazio Marino ha da poco superato i primi 100 giorni da sindaco ma forse tanta voglia di festeggiare considerate le grane da sbrigare e considerato il fatto che il Campidoglio è diventato luogo privilegiato dove manifestare il proprio malcontento, in primis i movimenti di lotta per la casa. A questo si aggiunge il problema di avere un corpo di polizia locale di Roma Capitale ancora senza un comandante. A quasi tre mesi dalle dimissioni di Carlo Buttarelli, il malcontento nei seimila che compongono la categoria cresce a dismisura al solo immaginare che il nuovo numero uno venga scelto tra gli esterni.

Il nome più "papabile" è quello di Rossella Matarazzo, ex primo dirigente del commissariato Esquilino ed attuale vice capo di Gabinetto. Ma all'interno del corpo non piacerebbe l’idea che a guidare la Polizia di Roma Capitale sia qualcuno chiamato o voluto da fuori, motivo per il quale i sindacati di categoria sarebbero pronti a mobilitarsi fin sotto la finestra di Marino. Inoltre fanno sapere dal corpo della polizia municipale che anche dopo una nomina di questo tipo si ricorrerebbe a due sentenze del Tar e una del Consiglio di Stato, che imporrebebro invece di scegliere il nuovo dirigente tra gli interni. Nel caso in cui si scelga un interno il vicecomandante Antonio Di Maggio resta in cima alla lista dei ben voluti e meglio reefernziati. Altro nome emerso nelle ultime ore, ancora un esterno, sarebbe quello Raffaele Clemente, oggi in questura all’anticrimine. La sua specialità? La capacità di mediare durante le tensioni sociali.

Sindacati, 400 vigili in pensione nel 2014 - L'Ospol fa sapere che "andranno in pensione almeno 400 persone, di cui 200 entro il 2013". Considerato che al momento il Corpo dei vigili urbani capitolini conta circa 6.000 agenti a fronte di una dotazione organica che, in base al rapporto proporzionale con i residenti, dovrebbe invece prevederne almeno 8.350 (un vigile per ogni 350 residenti circa), "è facile immaginare come ogni persona che lascia il servizio per andare in pensione è una perdita che va a pesare su una situazione di deficit in organico già eclatante", spiega Stefano Lulli, segretario romano dell'Ospol.

[25-09-2013]

 
Lascia il tuo commento