Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Morte Bevilacqua, quattro indagati per omicidio colposo

domani sarÓ effettuata l'autopsia sul corpo dello scrittore

Ci sono i primi indagati nell’inchiesta della procura per far luce sulla morte di alberto bevilacqua, lo scrittore scomparso lunedì scorso all’età di 79 anni nella casa di cura Villa Mafalda. Il pm Neri sta indagando per omicidio colposo sull’equipe medica che ha avuto in cura lo scrittore e sul direttore sanitario della struttura.

Bevilacqua era ricoverato da circa 10 mesi nella casa di cura sulla via salaria per problemi respiratori e la compagna dello scrittore michela macaluso (in arte “miti”) aveva presentato un esposto in procura per far luce sul modo in cui i sanitari si stavano prendendo cura di lui. La donna avrebbe voluto trasferirlo ma la sorella di Bevilacqua, anna, era contraria.
Il tribunale Civile di Roma aveva quindi nominato un amministratore di sostegno, ovvero un tutore. Due perizie, una disposta dal tribunale, effettuate nella struttura, non avevano riscontrato alcuna criticità sulle cure somministrate a bevilacqua.

L’iscrizione del direttore sanitario e dei tre medici nel registro degli indagati sembra più che altro un atto dovuto. Per domani è stata disposta l’autospia sul corpo dello scrittore e all’atto istruttorio parteciperanno anche i consulenti nominati sia dai legali della compagna di bevilacqua che dagli avvocati della sorella. I risultati arriveranno entro 90 giorni. “Siamo certi che la vicenda si concluderà riconoscendo il corretto operato dei sanitari", fa sapere in una nota la casa di cura Villa Mafalda.

 
 

[11-09-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE