Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Finanza scopre una truffa di 12 milioni al fisco

acquistavano prodotti high-tech e li rivendevano senza presentare la dichiarazione dei redditi, o pagare Iva ed Irap

La guardia di finanza ha scoperto un giro di evasione fiscale da 12 milioni di euro. Ecco come funzionava il meccanismo della truffa: acquistavano all’ingrosso partite di prodotti high-tech per svariati milioni di euro dai paesi dell’Unione Europea e dalla Repubblica di San Marino, e poi le rivendevano sul mercato a prezzi estremamente competitivi grazie alla mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dell’Iva e dell’Irap. I guadagni venivano poi reinvestiti acquistando immobili che venivano di volta in volta ritrasferiti a società di comodo e infine fatti confluire in una società pulita, in modo da non lasciare traccia. Il complesso sistema di frode fiscale da 12 milioni di euro è stato scoperto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, al termine di un’indagine coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Roma Stefano Fava.

L’organizzazione aveva a capo una persona, già dichiarata fallita dal Trubunale di Roma nel 2002, che si avvaleva di parenti, che fungevano da teste di legno, a cui intestava le società coinvolte. E' stato arrestato per i reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, occultamento e distruzione delle scritture contabili, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Sequestrati beni, conti correnti, immobili a San Felice Circeo, Sonnino e Roma per un valore complessivo di oltre 16 milioni di euro.

[04-07-2013]

 
Lascia il tuo commento