Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Gestivano lo spaccio droga in provincia di Viterbo, 61 arresti

in manette una famiglia di Marta che gestiva il traffico nella Tuscia

Un traffico milionario di coca e marijuana mascherato facilmente dietro all’attività di un agriturismo e di due forni nella Tuscia. E’ quanto hanno scoperto i Carabinieri della provincia di Viterbo che questa mattina hanno concluso l’operazione “Drum” con 61 arresti, 100 mezzi ed oltre 400 militari impiegati. A gestire lo spaccio nella zona della Tuscia era una famiglia originaria di Marta composta da 5 persone; madre, padre e tre figli. Avevano contatti con alcuni clan di San Basilio ed altre organizzazioni criminali che gestiscono il traffico di stupefacenti all’Olgiata e sul litorale. Numerosi corrieri, assoldati tra persone incensurate ed anziani, portavano la droga da Roma fino alla provincia Viterbo.

L’enorme estensione dei terreni agricoli dell’agriturismo e i molti nascondigli per lo stupefacente hanno permesso per molti anni alla “famiglia” di gestire enormi flussi di droga, riuscendo ad eludere i controlli delle forze di polizia. Lo spaccio in ambito locale era organizzato con una rete di pusher composta sopratutto da persone fidate o da dipendenti dell’agriturismo. Ogni anno l'organizzazione incassava 1 milione di euro dallo spaccio di droga. I traffici di cocaina e marijuana si mischiavano così con quelli di farina, balle di fieno ed animali: al telefono i capi dell’organizzazione facevano ordinativi importanti di stupefacenti utilizzando frasi tipo: “sono arrivate le pecore”, “mi devi pagare le balle di fieno”, “mi servono i pali per il recinto”, “per questo fine settimana portami più farina”.

Nel corso delle perquisizioni i Carabinieri hanno sequestrato un chilo e 200 grammi di hashish, 60 grammi di marijuana, numerose dosi di cocaina, 2 piante di canapa e 51.500 euro in contanti, probabilmente provento dell’attività di spaccio. E’ stata sequestrata anche un nuovo tipo di droga diffusa recentemente tra i più giovani; l’“Amnè”, una miscela ottenuta da alcune qualità di marijuana imbevute di eroina e metadone.



[25-06-2013]

 
Lascia il tuo commento