Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Scoperti 40 falsi ciechi. Arrestati un 69enne e la moglie

Erano stati dichiarati non vedenti al 100% ma in realtÓ facevano di tutto

I Carabinieri di Roma hanno scoperto 40 casi di falsi ciechi, di cui 18 donne e 22 uomini che erano stati dichiarati non vedenti al 100%, ma, in realtà, ci vedevano benissimo. Dovranno rispondere di truffa aggravata ai danni dello Stato per un danno erariale accertato, al 30 aprile 2013, pari a oltre 3.583.000 €. Oltre alla pensione di invalidità, i falsi ciechi percepivano anche l'indennità di accompagnamento per un totale di circa 1.100 euro al mese. Tra questi, c’era chi curava il giardino, chi guidava il furgone, l’auto o la microcar, chi faceva la spesa nei supermercati scegliendo oculatamente la merce tra gli scaffali, chi usava normalmente lo smartphone o leggeva i giornali, chi correva e faceva ginnastica nel parco, chi giocava la schedina, chi evitava agevolmente le barriere architettoniche senza alcun tipo di ausilio o supporto.

L’ultimo caso accertato è di qualche giorno fa e riguarda un 69enne di Valmontone che risulta cieco assoluto all’Inps dal 2007, in realtà in grado benissimo di muoversi, di evitare gli ostacoli, di attraversare la strada senza alcun ausilio; non solo: nel 2011, era stato addirittura arrestato dai Carabinieri per aver partecipato ad una rissa. Invitato in caserma, il soggetto è stato pedinato dai Carabinieri i quali hanno riscontrato che era completamente autonomo lungo il tragitto dall’abitazione alla caserma, salvo poi, davanti ai militari, farsi accompagnare sotto braccio dalla moglie. Il giorno in cui l’Inps ha pagato la pensione di invalidità - pari a oltre 1.140 €, incluso l’accompagnamento - i Carabinieri hanno arrestato il finto invalido e anche la moglie, perché l’importo era stato accreditato su un conto corrente cointestato, con un illecito beneficio per entrambi. Contestualmente, il Gip del Tribunale di Velletri, su richiesta del Sostituto Procuratore Dott. Giuseppe Travaglini, ha disposto il sequestro preventivo, per la successiva confisca, del loro appartamento per l’equivalente della somma indebitamente percepita negli anni, ai danni dello Stato.


[12-06-2013]

 
Lascia il tuo commento