Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Atterraggio d'emergenza a Fiumicino, 3 feriti lievi

Un Airbus A320 della Wizz Air effettua un atterraggio d'emergenza per un'avaria al carrello. Del Greco: "Il pilota stato davvero bravo"

Un Airbus A320 della compagnia Wizz Air, proveniente da Bucarest con destinazione Roma Ciampino, ha effettuato questa mattina un atterraggio di emergenza all'aeroporto di Fiumicino per un guasto a uno dei carrelli, il sinistro. Tre dei 165 passeggeri sono stati soccorsi per uno stato di choc, mentre la pista d'atterraggio è stata chiusa dalle autorità aeroportuali per agevolare le operazioni di soccorso e discesa dal velivolo. I tre passeggeri coinvolti non hanno riportato traumi, hanno riferito fonti dell'aeroporto. Sono stati assistiti sulla pista di atterraggio da un'equipe medica dello scalo ma al momento non si rende necessario il loro trasporto in ospedale. Pur essendo ormai vicino all'aeroporto di Ciampino, il pilota ha chiesto l'autorizzazione ad atterrare a Fiumicino per approfittare delle maggiori dimensioni della pista, più lunga di quella dello scalo di destinazione, ed ha fatto toccare terra al velivolo utilizzando un solo carrello. Appena arrestata la sua corsa, l'aereo si è piegato su un fianco.

''Un atterraggio spericolato, compiuto con molta maestria. Il pilota, che è italiano, è riuscito a portare giù l'aereo con un solo carrello e a fare un atterraggio morbido - ha raccontato Antonio Del Greco, dirigente del V unità polizia di frontiera-. Alle 8.10 il pilota ha compiuto l'atterraggio, adagiando l'aereo sulla pista sul solo carrello destro e sul motore. Il pilota è stato davvero bravo''.

''Abbiamo avuto paura come tutti gli altri: per fortuna è andato tutto bene''. E' la testimonianza di Pietro, un passeggero romeno che era a bordo dell'aereo della Wizz Air atterrato in emergenza a Fiumicino. L'uomo, che era con la famiglia e il figlio, dal 2000 lavora in Italia. ''Quando stavamo arrivando a Ciampino - ha aggiunto - abbiamo capito che c'era qualche problema e che avremmo fatto un atterraggio d'emergenza. Di preciso subito non ci hanno detto nulla. Una volta a Fiumicino, al momento dell'atterraggio, si èabbassata la velocità e abbiamo sentito solo delle vibrazioni e nient'altro. Solo paura ma non ci sono stati particolari scossoni, sembrava un semplice carrozzone di un parco giochi".

[08-06-2013]

 
Lascia il tuo commento