Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ancora un caso di tubercolosi alla materna San Raffaello

inconto con il professore Antonio Volpe. "La Asl sta facendo quello che previsto nelle linee guida ministeriali"

Ancora un caso di tubercolosi alla scuola materna "il piccolo principe" nel complesso scolastico Gregna Sant'Andrea di via Alessandro della Seta, nella zona delle Capannelle, in X municipio. E' il terzo episodio in un anno e mezzo. Sono stati gli stessi genitori a segnalare il terzo caso di contagio che in precedenza aveva riguardato due bambini. Questa volta il contagio della Tbc, invece, riguarda una delle insegnanti del complesso scolastico. La notizia del nuovo caso di tubercolosi, così come riferito dall'avvocato Catia Di Salvatore che assiste i genitori, è stata data con una lettera del X municipio che informava la popolazione scolastica della profilassi da svolgere in tutto il mese di maggio nel complesso scolastico. "Al momento aspettiamo di conoscere - ha detto l'avvocato Catia Di Salvatore, che è anche madre di un bambino risultato positivo al test Tbc - di che ceppo di Tubercolosi si tratta, poi verificheremo se ci sono state negligenze sui test effettuati dalla Asl in questo anno e mezzo, e nel caso ci riserviamo di agire". I genitori ed i dipendenti dell'istituto scolastico, preoccupati per l'ennesimo caso, hanno incontrato mercoledì nei locali di via Alessandro Della Seta il professore Antonio Volpe del Policlinico di Torvergata, specialista in malattie infettive, per avere informazioni utili su quale comportamento adottare per evitare altri contagi.

"La Asl sembra stia facendo quello che è previsto dalle linee guida del nostro ministero della sanità. - dice il professore Antonio Volpe del Policlinico di Torvergata-. Quindi in linea di massima dovremmo essere nella fascia di sicurezza massima. Dovremmo probabilmente intervenire con qualche piccola terapia o profilassi".

video di Alberto Alberti

[16-05-2013]

 
Lascia il tuo commento