Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Giovani medici in protesta a Montecitorio

Al grido di "noi non siamo raccomandati" chiedono pi¨ trasparenza nei concorsi

Sono circa duecento tra giovani medici, studenti iscritti al corso universitario in medicina e specializzandi, i manifestanti che hanno protestato questa mattina davanti alla Camera dei Deputati, in Piazza Montecitorio al grido di “noi non siamo raccomandati”. Il sit-in è stato organizzato dall'Associazione Italiana Giovani Medici e dal Comitato per la riforma del concorso per l'accesso alle scuole di specializzazione.

I giovani medici richiedono una riforma complessiva per i tempi di accesso alla professione. Che ci sia nella sanità meno politica e più merito, con una selezione più trasparente.  "Protestiamo contro i tagli alle borse di studio", aggiunge Cinzia, laureanda 24enne, venuta apposta da Napoli per far sentire la propria voce. "Noi ci laureiamo - sottolinea Cinzia - ma poi non abbiamo l'accesso alla specializzazione". Marco, specializzando di 26 anni, aggiunge: "chiediamo la riforma del concorso per l'accesso alle scuole di specializzazione con una commissione che sia completamente esterna perché oggi vengono selezionati soltanto i raccomandati. La nostra proposta è di fare una prova unica con quesiti a risposta multipla e una valutazione del curriculum vitae che sia un decimo del punteggio totale".

“Penso che i giovani medici abbiamo molta ragione a protestare. –ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin- c'e' una questione che riguarda le nuove generazioni nella medicina, sia i precari sia chi dopo la laurea si vuole specializzare''.


[14-05-2013]

 
Lascia il tuo commento