Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Derby Coppa Italia, l'ultima parola al Tar

la concomitanza con il voto fa preoccupare il Codacons che ha presentato un ricorso al Tar

Il Tar del Lazio metterà l'ultima parola su orario e giorno in cui si giocherà il derby di Coppa Italia, terzo derby stagionale. Sarà lunga la processione domani davanti alla terza sezione quater presieduta da Italo Riggio. Lega calcio, Coni, Roma e Lazio, la Rai, il Ministero dell’Interno, la Prefettura e Roma Capitale saranno ascoltati dai giudici amministrativi. A chiedere nuovamente di non disputare la partita il 26 maggio il Codacons, che parla di “immensi disagi per i cittadini” che vogliono esercitare il diritto elettorale alle amministrative. La concomitanza con il voto fa preoccupare l’associazione dei consumatori per “il forte impatto che la partita avrà su tutti i quartieri del quadrante nord”. Nonostante l’anticipo alle ore 18 voluto dal prefetto di Roma Pecoraro, i consueti tafferugli intorno allo stadio Olimpico poterebbero creare un clima da guerriglia urbana, tanto da indurre molti elettori di non uscire di casa per evitare inutili rischi.

“Una situazione  che – secondo il presidente del Codacons Rienzi – potrebbe persino portare all’annullamento dell’intera consultazione amministrativa”.  Gli interessi in ballo sono molti: da quello delle società romane a quelli della rai e dei suoi sponsor, fino a quello dei quasi 30 mila tifosi che hanno già comprato il biglietto. Finora hanno prevalso su chi chiedeva di spostare ad altra data la stracittadina. La riapertura della vicenda rischia di trasformare il derby in un brutto pasticcio, soprattutto se il Tar dovesse esprimersi per un cambio di rotta in extremis. Soluzione questa poco probabile e finora scartata, ma sostenuta in queste ore a gran voce anche dal sindaco uscente Alemanno.

[14-05-2013]

 
Lascia il tuo commento