Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Operazione Ghost car, radiate 10.000 vetture

le auto fantasma, intestate a prestanome o a persone inesistenti, servono anche alla criminalità

Le chiamano “auto fantasma”: sono quei veicoli intestati a persone decedute, prestanome o soggetti inesistenti e di cui si serve anche la criminalità. Sono oltre 150.000 le “Ghost Car” scoperte in tutta Italia dagli uomini della polizia stradale, alcune di queste utilizzate dalla criminalità per commettere reati o semplicemente per farla franca una volta commesse infrazioni stradali.

L’operazione della polizia stradale, grazie a verifiche incrociate tra i vari database, ha portato alla radiazione di circa 10.000 veicoli che non potranno più circolare. Su circa 150.000 auto sospette con intestazione falsa, ben il 70% risulta privo di assicurazione. I veicoli ''fantasma'' possono circolare senza pagare i pedaggi autostradali, le contravvenzioni e soprattutto possono eludere i controlli delle forze dell'ordine quando vengono utilizzati per commettere anche gravi reati. Si tratta di autovetture di tutte le cilindrate e le marche: tra queste anche auto di lusso come Rolls Ryce, Ferrari, Jaguar e Porsche. Le "auto fantasma" circolano per lo più in Campania (19,7%), Sicilia (12,9%), Lombardia (12,8%), Puglia (9,6%), Emilia Romagna (7,8%), Piemonte (6,7%), Lazio (6%), Liguria (5,2%), Veneto (4%) e Calabria (3,6%) mentre il record di soggetti che hanno intestati piu' di 50 veicoli spetta sempre alla Campania, con 280, davanti a Sicilia (214), Lombardia (183), Puglia (172) ed Emilia Romagna (122).

Alcuni di questi veicoli risultano già coinvolti in gravissimi incidenti stradali, come quello avvenuto nell’ottobre del 2011 a torino in cui persero la vita tre giovani rimasti schiacciati dal pullman del Torino calcio.

[22-04-2013]

 
Lascia il tuo commento