Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Presunta mazzetta per appalto. Perquisizioni in Campidoglio. 6 indagati

si indaga su una presunta mazzetta da 80.000 euro per vincere una gara indetta da Roma Capitale

Gli uomini della guardia di Finanza hanno effettuato delle perquisizioni in Campidoglio per far luce su di una presunta mazzetta da 80.000 euro che sarebbe stata versata per aggiudicarsi una gara d'appalto. I soldi sarebbero serviti alla società di consulenza Accenture per vincere una gara indetta da Roma Capitale per l'affidamento del servizio di manutenzione, supporto e sviluppo applicativo dei sistemi informativi dell'area del territorio del Comune di Roma. Gara che poi effettivamente si è aggiudicata la Accenture. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il danaro sarebbe stato consegnato da Giuseppe Verardi, manager dell'Accenture a Fabio Ulissi, esponente dell'ufficio di presidenza di Roma Capitale Investments Foundation "affinchè pubblici ufficiali incardinati presso il Comune di Roma compissero atti contratti ai doveri del loro ufficio nell'aggiudicazione alla Accenture dell'appalto".

Sei gli indagati nell'ambito di questa inchiesta affidata ai pm Mario Palazzi e Paolo Ielo che ha preso spunto da una denuncia della stessa Accenture, la quale, a conclusione di verifiche interne, aveva scoperto un giro di false fatture attraverso le quali era stata creata appunto una provvista da 80mila euro. Le fiamme gialle Lazio hanno perquisito, le abitazioni dei sei indagati, alcuni uffici al Campidoglio e la sede della "Roma Capitale Investments Foundation" che vede quale presidente onorario il sindaco Gianni Alemanno. Tra gli indagati Fabio Ulissi, esponente dell'ufficio di presidenza di "Roma Capitale Investments Foundation", Giuseppe Verardi, manager della Accenture e altri quattro funzionari dell'azienda di consulenza. Per gli investigatori gli altri quattro indagati avrebbero "concorso nella predisposizione della tangente realizzata attraverso fatture per operazioni inesistenti, del valore di 287 mila euro, emesse dalla società High Value".

[19-04-2013]

 
Lascia il tuo commento