Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Arrestata la donna che lo scorso dicembre gettò il figlio nel water di un McDonalds

E' una ventenne romena. Emesso nei suoi confronti un mandato di cattura europeo

di Luca Siliquini

E' stata arrestata oggi la donna che lo scorso 30 dicembre 2012 abbandonò il proprio bambino nel water di un McDonalds in piazza Don Sturzo, all'Eur. Si tratta di Andreia Grancea, cittadina romena ventenne e da tempo irrintracciabile.  L’indagine condotta dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Roma, e partita dalle immagini che ripresero per intero la drammatica scena, ha finalmente permesso di identificare la donna e raccogliere elementi di prova che potessero incriminarla.
 
La Procura della Repubblica di Roma, che ha coordinato l’investigazione, ha dunque potuto emettere unordinanza di custodia cautelare in carcere estendendo le ricerche anche in ambito comunitario. A quanto emerge, infatti, la Polizia italiana ha anche accertato che la giovane era scappata in Romania rifugiandosi in un piccolo villaggio. L'assidua ricerca da parte dei poliziotti della Squadra Mobile è, in sintesi, terminata nel momento in cui è stato comunicato alla polizia romena il luogo dove la donna era nascosta. Nei prossimi giorni Andreia Grancea verrà estradata in Italia.

Il neonato gettato nella toilette venne ritrovato dopo circa 9 minuti da un dipendente del fast food, che lo trovò immerso con la testa nel water e un solo braccio fuori. Dopo il tempestivo ricovero in ospedale il piccolo venne curato e chiamato Emanuele. Nei confronti della donna, accusata di tentato infanticidio, era stato immediatamente emesso un mandato di cattura europeo. 

[19-03-2013]

 
Lascia il tuo commento