Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Spararatoria all'Alibi, presi i responsabili

due giovani lo scorso 14 febbraio spararono 9 colpi di pistola verso l'ingresso della discoteca

Spararono 9 colpi d’arma da fuoco lo scorso 14 febbraio contro l’ingresso della discoteca Alibi, a Testaccio, e solo per una fortuita fatalità non ci furono feriti né vittime. A distanza di circa un mese gli uomini della Questura hanno fermato i due giovani cugini responsabili della sparatoria: sono entrambi romani, Siro e Nico Sparapano, di 22 e 28 anni e sono accusati di tentato omicidio. Nico, il più giovane, era latitante per una rapina commessa nel 2006. I due dopo la rissa all’interno della discoteca del 14 febbraio scorso furono cacciati dai buttafuori del locale e dopo qualche minuto tornarono indietro con due pistole semiautomatiche e probabilmente sotto l'effetto di droga e alcol spararono diversi colpi contro l’ingresso dell’Alibi per poi scappare a bordo di una Golf. La sparatoria è stata ripresa dalla telecamera che si trova proprio sopra alla porta della discoteca e grazie anche all’analisi del video, incrociando le foto prese da alcuni account facebook, che gli uomini del commissariato Trevi sono riusciti a risalire agli autori. Le indagini si sono svolte tra Tor bella Monaca ed Anzio dove i due fermati hanno parenti ed amici.





"E' stata un'indagine vecchio stampo -spiega il dirigente del Commissariato Trevi Lorenzo Suraci-. Ovvero siamo stati molto in strada per cercare i responsabili visto che non hanno una vera e propria residenza. Queste persone hanno molti parenti ad Anzio, Nettuno, Tor Bella Monaca e Torre Maura dove potersi rifugiare ed hanno molti amici che li hanno aiutati a nascondersi".

La polizia oltre alle due semiautomatiche utilizzate durante la sparatoria ha sequestrato anche altre due pistole: una Glock calibro 40 ed una Beretta calibro 9. Le armi risultano rubate e sono state trovate cariche pronte per essere utilizzate.

"Il sequestro delle pistole dimostra che c'è una circolazione piuttosto importante di armi tra giovani a Roma -spiega ancora Suraci-. Ragazzi che sono abbastanza pericolosi perché non esitano ad usare le pistole se raggiunti dalla polizia o dopo un litigio in discoteca come successo all'Alibi".





E’ stato emesso un provvedimento di fermo anche nei confronti di altri due giovani per porto abusivo di armi, ricettazione e per aggressione nei confronti di una ragazza lo scorso 9 marzo. Proprio durante questa aggressione gli agenti del commissariato Trevi hanno fermato Siro Sparapano che risultava irreperibile.

[15-03-2013]

 
Lascia il tuo commento