Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 18 ottobre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Eredità Sordi, la sorella Aurelia vittima di circonvenzione di incapace

A stabilirlo definitivamente, il neurologo titolare dell'inchiesta

di Luca Siliquini

Aurelia Sordi, la sorella novantacinquenne dell'attore romano Alberto, è incapace di intendere e di volere. Questo il verdetto del neurologo, consulente del pm Eugenio Albamonte, titolare dell'inchiesta sul presunto raggiro del quale la donna sarebbe stata vittima e che ad ora vede indagati per concorso in circonvenzione di incapace l'autista Arturo Artadi, il notaio Gabriele Sciumbata, l'avvocato Francesca Piccolella. Il parere del neurologo è stato inserito dal pm nella richiesta al gip di svolgere un incidente probatorio per fare una volta per tutte chiarezza sulle condizioni psichiche della stessa Aurelia Sordi. Il neurologo ha dunque concluso per l'incapacità dell'anziana sorella dell'"Albertone nazionale" dopo aver assistito alla sua audizione davanti al pm a proposito della firma da lei apposta sulla procura generale che attribuiva proprio ad Artadi, attuale collaboratore di Aurelia, il potere di operare su tutti i conti correnti della donna. Dopo l'atto istruttorio, l'esperto, visitando Aurelia, ha confermato la diagnosi. 

L'inchiesta sull'eredità di Aurelia Sordi è stata aperta circa due settimane fa, quando i primi sospetti relativi all'ammanco di ingenti somme di denaro sono ricaduti proprio sull'ex autista di "Albertone", Arturo Artadi. Quest'ultimo si era infatti presentato a metà febbraio in due istituti bancari con una procura generale firmata dalla stessa Aurelia Sordi e controfirmata dal notaio di famiglia. Tale procura serviva al "diretto interessato" per prelevare soldi a proprio piacimento, giustificandoli come "spese vive". Naturalmente, approfittando delle gravi condizioni psichiche in cui versa Aurelia Sordi, vittima di raggiro e circonvenzione di incapace. 
 
 

[07-03-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE