Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Conclave, attesa in giornata la data d'inizio. Probabile il prossimo 11 marzo

Cappella Sistina chiusa al pubblico da ieri per i lavori di preparazione

di Luca Siliquini

La Cappella Sistina è chiusa al pubblico dalle 13 di ieri, fino a data da destinarsi. Questo, ad oggi, sembra essere il segnale più evidente dell'avvicinarsi del Conclave. Il cardinale camerlengo, Tarcisio Bertone, ha ordinato l'avvio dei lavori per arredare la Sistina con la nota stufa collegata al comignolo da cui saranno visibili le fumate. Avanzano nel frattempo i lavori preparatori delle congregazioni generali. I cardinali si sono riuniti, sempre ieri mattina, per la terza sessione, dopo le prime due già svoltesi lunedì al mattino e al pomeriggio. 111 su 115 i porporati presenti a Roma, si attende l'arrivo del tedesco Karl Lehmann, del vietnamita Jean-Baptiste Pham Minn-Man, del polacco Kazimierz Nycz e del cinese John Tong Hon di Hong. L'ultimo ad aver raggiunto la Santa Sede è il Patriarca egiziano Antonios Naguib, arrivato nel pomeriggio di martedì. 
 
Attesa intanto in giornata la data esatta dell'inizio del conclave, che il Collegio cardinalizio, con voto a maggioranza, dovrebbe con buona probabilità confermare al prossimo lunedì 11 marzo. La decisione dipende perlopiù dal fatto che in questa circostanza non c'è tempo per i cosiddetti 'novendiali', i nove giorni di lutto successivi alla morte del Papa. Nel 2005 "sapevamo che fino al 16 aprile ci sarebbero stati i novendiali. Questa volta invece non abbiamo un calendario di eventi", commenta in proposito il portavoce della sala stampa vaticana, Padre Federico Lombardi, "che possa costituire un punto di riferimento. La decisione è dunque tutta affidata ai cardinali in congregazione. Non è necessario che tutti i cardinali elettori siano presenti a Roma per stabilire la data del conclave ma è necessario che sia dato a tutti quelli che decidono di partecipare il tempo di arrivare". In altre parole, qualora un cardinale faccia sapere di aver preso il biglietto per presenziare allo stesso Conclave e sia fissata la data di arrivo per un dato giorno, gli altri porporati, anche senza di lui, possono stabilire la data di inizio tenendo conto dell'avvenuta comunicazione. "Per le esigenze del prossimo Conclave" - bene ribadirlo -, dalle ore 13 di martedì la Cappella Sistina sarà chiusa al pubblico fino a data da destinarsi". Lo comunicano i Musei Vaticani. "Nello stesso periodo non saranno visitabili, lungo il percorso dei Musei, l'Appartamento Borgia e la Collezione di Arte Religiosa Moderna".

 Tra i lavori che verranno svolti per l'elezione del nuovo Papa, il più importante riguarderà la "sopraelevazione del pavimento" nella Cappella Sistina. "Si costruirà un piano nuovo su cui si muoveranno i cardinali durante le votazioni, un piano unico fino al primo gradino dell'altare. Su questo piano sopraelevato verranno posti tavolo e sedie", spiega Padre Lombardi. In più, verranno allestite due stufe, una per bruciare le schede, l'altra per produrre il fumo visibile dall'esterno. "Se la fumata fosse prodotta solo dalle schede bruciate non si vedrebbe", sottolinea sempre Padre Lombardi, "bisogna mettere del fumo specifico".

 

[06-03-2013]

 
Lascia il tuo commento