Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Oltre 100 mila fedeli all'ultimo Angelus di Benedetto XVI

Piazza San Pietro gremita per salutare il Papa dimissionario

"In questo momento della mia vita il Signore mi chiama a salire sul monte". Nell'ultimo suo Angelus Papa Benedetto XVI si congeda così dai centomila fedeli accorsi a piazza San Pietro per salutarlo. Il Vangelo di oggi è quello della Trasfigurazione uando Gesù sale sul monte Tabor e il Papa dice di sentire questa Parola di Dio "in modo particolare rivolta a me". Ma assicura: "questo non significa abbandonare la Chiesa. Anzi, se Dio mi chiede questo è proprio perchè io possa continuare a servirla con la stessa dedizione con cui l'ho fatto fino ad ora, ma in un modo più adatto alla mia età e alle mie forze".

Sempre con riferimento al Vangelo della Trasfigurazione Papa Ratzinger ricorda che anche quando Pietro salì sul monte Tabor a pregare e voleva restarci, pregando fu ricondotto "al cammino, all'azione". La folla lo interrompe più volte per applaudirlo e acclamarlo. Il Papa, schivo come sempre ma commosso, dice solo "grazie grazie" ma prosegue nella sua catechesi sulla importanza, il "primato", come lui stesso dice, della preghiera. Alla quale il pontefice si dedicherà da venerdì a tempo pieno. Perchè senza la preghiera - avverte - "tutto l'impegno dell'apostolato e della carità si riduce ad attivismo".

UN ESTRATTO DELL'ULTIMO ANGELUS IN PIAZZA SAN PIETRO


[24-02-2013]

 
Lascia il tuo commento