Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

San Basilio roccaforte dello spaccio, 53 arresti

Scoperto nel quartiere un vero e proprio mercato della cocaina

Sono 53 le persone arrestate dai Carabinieri di Roma nell’ambito dell’operazione antidroga denominata “Ombre” conclusa questa mattina con la notifica di 18 ordinanze di custodia cautelare e perquisizioni a Roma, Rieti e Latina. A San Basilio un vero e proprio mercato permanente di cocaina, accreditandosi quale fonte costante di approvvigionamento per i consumatori provenienti dalle più svariate zone di Roma e del circondario. Il gruppo, organizzato gerarchicamente e con ruoli ben definiti seppur con interscambiabilità relativa, operava 12 ore al giorno (dalle 14.00 a notte fonda), sette giorni su sette, con dinamiche sperimentate e ben consolidate, finalizzate ad eludere il controllo delle Forze dell’Ordine.


Dopo un appostamento durato alcuni giorni, i militari di San Basilio individuano un campo dove, ben sotterrate, vengono rinvenute e sequestrate circa 1700 dosi di cocaina, già pronte per lo spaccio, e circa € 16.000 in contanti. Alcuni numeri indicativi del fenomeno: 860 le persone controllate nel corso dell’indagine, 130 le dosi medie giornaliere piazzate ai clienti (50.000 nell’intero periodo), con un incasso medio giornaliero di €.5.400 (pari a circa 2 milioni di euro annui). Spaccio talmente frequente e sistematico da indurre l’Autorità Giudicante a paragonare la fila dei clienti fermi in attesa della loro dose, a quella degli automobilisti in coda presso un distributore di carburante. E spaccio che non si ferma nemmeno davanti a dei bambini, come documentato in una circostanza dagli operanti, allorquando un cliente riceve la propria dose tenendo sulle spalle un bambino in tenera età. I militari dell’Arma hanno sequestrato anche 11 tra motoveicoli ed automezzi (tra cui un’Audi Q5, una Mercedes Classe A, due Quad, tre maxiscooter Yamaha TMax), poiché aventi valore incompatibile con le dichiarazioni dei redditi presentate dagli arrestati, quasi tutti disoccupati.

[11-02-2013]

 
Lascia il tuo commento