Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ciampino, Ŕ stata fatta brillare la bomba del II conflitto mondiale

ripresi i voli all'aeroporto di Ciampino

''La bomba è stata fatta brillare alle 13,35. L'operazione si è chiusa con successo''. E' il racconto del capitano Matteo Tuzi, responsabile artificieri del 6° Reggimento Genio Pionieri di Roma, che ha coordinato a Ciampino l'attività di bonifica di un ordigno della Seconda Guerra Mondiale. ''Era una bomba d'aereo di 500 libbre -spiega Tuzi- pari a 227 Kg di esplosivo, con entrambe le spolette presenti (ovvero gli inneschi). L'attività è stata suddivisa in due fasi: rimozione delle spolette, trasporto e brillamento dell'ordigno in un cava del comune di Ciampino''. Il team degli artificieri che ha eseguito l'intervento di bonifica era composto da 4 artificieri, il cui caponucleo è il primo maresciallo Roberto D'Alterio, che vanta un'esperienza ormai trentennale nel settore degli ordigni inesplosi. ''Il momento più delicato -racconta il capitano Tuzi- è stato quello del 'despolettamento'. Abbiamo impiegato una tecnica che prevede l'ausilio di chiavi a razzo, ovvero delle attrezzature meccaniche azionate a distanza. Poi la bomba è stata caricata su un camion dell'Esercito, e trasportata presso la cava, dove infine è stata fatta brillare''

Dalle ore 9.30 di mattina fino alla fine delle operazioni ed anche oltre, il Comando di Polizia Locale di Ciampino ha effettuato, insieme alle altre forze dell'ordine un capillare servizio di pattugliamento anti sciacallaggio presso le abitazioni lasciate vuote dai residenti. Attimi di tensione si sono vissuti quando un agente ha trovato un uomo intento a fotografare alcune abitazioni in Via Lucrezia Romana. Uomo che si è immediatamente scoperto essere un giornalista che non aveva rispettato le chiusure di sicurezza e che, dopo essere stato identificato, è stato accompagnato presso il Centro Operativo Mobile dove tutta la stampa era tenuta costantemente aggiornata sullo svolgere delle operazioni. L'aeroporto di Ciampino, vicino al luogo del ritrovamento dell'ordigno, è rimasto chiuso per circa due ore. Ora i voli sono ripresi regolarmente.
 
 

[10-02-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE