Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Controlli al campo nomadi La Barbuta, trovata una pistola

perquisizioni e controlli della Polizia di Roma Capitale, all'ingresso del campo una discarica a cielo aperto

Sono le 6:30 di mattina quando gli uomini della Polizia locale di Roma capitale entrano nel campo nomadi La Barbuta in X municipio, a ridosso del comune di Ciampino. I vigili coordinanti dal vice comandante Antonio Di Maggio perquisiscono diversi container, poi setacciano un terreno appena fuori la recinzione del campo. Qui trovano una pistola semiautomatica modello 92 Sb. L’arma, con la matricola abrasa, era nascosta in una busta di plastica, gettata a terra tra rifiuti ed oggetti di risulta e carcasse di motorini probabilmente rubati.

Gli agenti hanno recuperato un coltellaccio ed anche un bossolo, un’ogiva ed un proiettile inesploso. La pistola, che al momento del ritrovamento era scarica, è stata sequestrata. Sono state decine le persone controllate questa mattina, così come le autovetture. Alcune di queste, tra cui una roulotte, senza assicurazione. Il blitz a la Barbuta di questa mattina è stato organizzato dalla polizia dopo l’analisi delle immagini dalle telecamere piazzate intorno al campo attrezzato. Dai video a circuito chiuso si vedono chiaramente dei ragazzi, probabilmente minorenni, giocare con un’arma, presumibilmente la stessa sequestrata. La pistola passa di mano in mano e viene esaminata da decine di abitanti del campo nomadi.




La Barbuta è in via di Ciampino, a pochi metri dall’aeroporto. I 173 container attrezzati, da 24 metri quadrati l’uno, sono stati assegnati la scorsa estate a circa 600 persone. Ai sinti italiani e bosniaci che già popolavano abusivamente la zona si sono aggiunte altre etnie, compresa quella serba. Per chi entra nell’area allestita dal Campidoglio il biglietto da visita è una discarica a cielo aperto dove c’è di tutto; dalle vasche da bagno ai congegni elettronici. Una grande discarica dove, ci spiegano i vigili urbani, alcuni abitanti del campo si farebbero pagare per far scaricare oggetti ormai inutilizzabili o  materiale di risulta. Rifiuti che dovrebbero essere smaltiti seguendo delle regole ferree e che invece vengono abbandonati nella discarica del La Barbuta, alle porte della città.



LE IMAGINI DELLE TELECAMERE DI SORVEGLIANZA DEL CAMPO

[06-02-2013]

 
Lascia il tuo commento