Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Arrestato Pm Roberto Staffa

il magistrato avrebbe scambiato informazioni della Procura con prestazioni sessuali

A Palazzo di Giustizia, a piazzale Clodio, c’è sconcerto ed incredulità. Il pubblico ministero romano Roberto Staffa è stato arrestato oggi dai carabinieri con l’accusa di concussione, corruzione e rivelazione di segreto d’ufficio.
Il Pubblico ministero avrebbe scambiato delle informazioni riservate della Procura in cambio di prestazioni sessuali che si sarebbero consumate anche nel suo ufficio del Tribunale. Il provvedimento di arresto sarebbe stato deciso dopo mesi di indagini e l’utilizzo di microspie e telecamere piazzate nel suo ufficio di piazzale Clodio. Staffa si sarebbe compromesso a causa di una presunta relazione con un transessuale. Il trans era stato arrestato circa un anno e mezzo fa in un’operazione contro la prostituzione ed avrebbe raccontato ai magistrati i ricatti subiti.

L’ordinanza è stata emessa dal gip di Perugia su richiesta della Procura. L’inchiesta che ha portato all’arresto di Staffa è partita infatti da una segnalazione proprio dalla procura di Roma. Le indagini sono state poi trasferite a Perugia.
Il pm, che era in servizio a piazzale Clodio da 15 anni, recentemente non era stato riconfermato nel pool della Direzione distrettuale antimafia dove si era occupato di reati legati al traffico internazionale di stupefacenti. L’ultima grande operazione antidroga era stata presentata alla stampa circa un anno fa. A Roma era stato il titolare dell'inchiesta sugli aborti clandestini avvenuti presso la clinica capitolina Villa Gina
Il magistrato, ora accusato di aver scambiato favori in cambio di sesso, si era anche occupato –per un breve periodo- dell’indagine sulla scomparsa di Emanuela Orlandi.

[23-01-2013]

 
Lascia il tuo commento