Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

SanitÓ, il Tar conferma il decreto sui tagli dell'ex commissario Bondi

respinto il ricorso dell'Associazione italiana ospedalitÓ privata

Il Tar del Lazio ha confermato il decreto dell’ex commissario alla Sanità Enrico Bondi sui tagli al settore. Con il provvedimento, approvato lo scorso 22 novembre, Bondi aveva deciso un taglio retroattivo del 7% sul budget del 2012 e delle strutture private accreditate nella nostra Regione.

Il tribunale amministrativo ha quindi respinto il ricorso “dell’Associazione italiana ospedalità privata” che contestava la legittimità costituzionale della parte del provvedimento con effetto retroattivo. Intanto i dipendenti ed i dirigenti delle strutture sanitarie del Lazio, sia pubbliche che private, continuano le proteste e chiedono delle risposte al nuovo commissario Filippo Palumbo.

Tra cliniche e case di cura convenzionate preoccupa la situazione del gruppo San Raffaele: le 13 strutture rischiano la chiusura. I 20 milioni promessi da Bondi non sono infatti ancora stati erogati ed i 2000 dipendenti del San Raffaele sono a rischio, così come i pazienti che con difficoltà troverebbe delle alternative. Nel campo pubblico invece l’ospedale più colpito dai tagli è il San Filippo Neri, dove dovrebbero essere ridotti di 120 unità i posti letto. Il Cto sarebbe riconvertito in struttura territoriale riabilitativa. Gli altri tagli riguardano il Pertini con 39 posti letto in meno, 50 in meno all’Umberto I e al San Giovanni, 72 i posti letto tagliati all’ospedale Santo Spirito.

[17-01-2013]

 
Lascia il tuo commento