Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Roma, arrestato il quarto responsabile del pestaggio di Capodanno. E' un 38enne capitolino

In quattro lo scorso 31 dicembre si avventarono contro l'ispettore di Polizia Antonio De Vincentis, ora in coma

di Luca Siliquini

Ieri, nel tardo pomeriggio, si è consegnato alla Polizia anche il quarto uomo responsabile del pestaggio avvenuto a Marino lo scorso 31 dicembre ai danni dell'ispettore di Polizia Antonio De Vincentis, 51 anni, attualmente ricoverato in Rianimazione del San Camillo, in condizioni "estremamente gravi". L'ufficiale, di ritorno a casa dal cenone di Capodanno con la moglie, verso le due del mattino era intervenuto per sedare una rissa all'esterno di un ristorante, venendo violentemente aggredito a pugni e calci. Gli autori del pestaggio sarebbero un trentottenne romano, ventottenne molisano, di 47 anni, e un 38enne anch'egli romano, tutti trasferiti in carcere con l'accusa di tentato omicidio. Sospesa la licenza per 60 giorni al locale teatro della rissa, con conseguente chiusura dello stesso.

I tre fermati, insieme al quarto uomo, avevano cominciato a litigare tra di loro e con alcuni dipendenti del locale al termine del veglione. La lite era proseguita in strada, degenerando a tutti gli effetti in una rissa. In quel momento Antonio De Vincentis, ispettore in servizio al commissariato Viminale, si trovava a transitare nei pressi del locale e, assistendo alla scena, scendeva dall'auto nel tentativo di sedare la disputa. Zigomi rotti, mascella fratturata in più punti, il naso irriconoscibile, un’orbita oculare sfondata. Questa la prognosi definitiva al termine dell'aggressione subita.

Grazie alle tempestive indagini condotte dalla Squadra Mobile capitolina, in collaborazione con i Commissariati di Polizia di Marino e ''Viminale'', è stato possibile identificare sin da subito i presunti responsabili dell'aggressione. Un primo uomo è stato individuato dopo poche ore e arrestato in esecuzione di un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dal Pubblico Ministero. Tale fermo ha interessato anche gli altri due uomini che hanno partecipato al pestaggio e che poi si sono costituiti.



[04-01-2013]

 
Lascia il tuo commento