Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

A Roma cresce la povertÓ, circa 8000 i senza tetto

La ComunitÓ di Sant'Egidio fa il triste bilancio sulla condizione di povertÓ nella Capitale e provincia

I dati dell'Istat fotografano una situazione di povertà a Roma alquanto preoccupante. Le persone senza fissa dimora nella Capitale sono circa 7800 ma solo 2800 trovano rifugio presso centri di accoglienza e gli altri, la maggioranza, sono costretti a ripari di fortuna per sfuggire soprattutto d'inverno al freddo. "Quasi ottomila persone senza fissa dimora rappresentano un dramma sociale rispetto al quale non si può voltarsi dall’altra parte – continua – e proprio per questo è importante che vengano sostenute e valorizzate tutte le attività di assistenza, dalle parrocchie al volontariato, che sono impegnate in questo campo, per non lasciare da solo chi si trova in difficoltà" afferma in un comunicato Emanuela Droghei, responsabile per le Politiche sociali e della Salute del Pd Roma.

La Comunità di Sant'Egidio è da tempo impegnata in opere di solidarietà tanto che nell'intero 2012 è riuscita a distribuire circa 230 tonnellate di cibo, 250.000 capi di abbigliamento, 10.000 coperte e altre materie prime in 21 quartieri della città e in 5 comuni della provincia. "Il numero totale di persone venute alla Mensa di Via Dandolo dal 1988 ad oggi: 165.000 stranieri, 15.000 italiani. Totale 180.000 - comunica ancora la Comunità - Numero totale persone venute alla Mensa di Via Dandolo nel 2012: 10.296 stranieri, 3.009 italiani. Totale 13.305. Nuove iscrizioni alla Mensa di Via Dandolo nel 2012 (totali italiani e stranieri): 3.400. Nuove iscrizioni presso i Centri di accoglienza nel 2012 (centro italiani, stranieri,rom): 3.500. Telefonate arrivate al Telefono della Comunità di Sant’Egidio nel 2012: 1178 di cui 555 per problemi economici e/o abitativi (47%)".  Ma ci sono anche altre associazioni e gruppi che affiancano la Comunità. 2000 sono infatti i romani che gratuitamente la sera si impegnano nei luoghi dove cercano riparo per la notte, molti nelle stazioni ferroviarie.

[21-12-2012]

 
Lascia il tuo commento