Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Elezioni, caos sulla data del voto. Zingaretti critica la Polverini

"Chiediamo l'intervento del governo. Cominciano ad esserci i presupposti per i reati di abuso d'ufficio o di omissioni di atti d'ufficio"

La data delle elezioni regionali è ormai diventata un rebus: le forze politiche non riescono a trovare l’accordo neanche su quando si andrà al rinnovo di Camera e Senato e questo, nella nostra Regione, non fa altro che aumentare l'incertezza. A quasi tre mesi dalle dimissioni della presidente Polverini, obbligata a lasciare per gli scandali sui fondi dei gruppi regionali, Pdl in testa, la data del possibile voto cambia di giorno in giorno.

Dopo la tattica dilatoria della Presidente dimissionaria volta a ritardare il voto il più possibile, era stato il Tar a fissare la data della chiamata alle urne il 3 e 4 febbraio prossimi. Poi il ricorso del Movimento di Difesa del Cittadino. In seguito all’iniziativa del Pdl di sostanziale sfiducia al governo Monti il calendario di Palazzo Chigi e Quirinale aveva previsto  dimissioni del governo entro fine anno ed elezioni il 17 e 18 febbraio o 24 e 25. In questo caso i giudici amministrativi e Viminale avevano visto di buon grado l’accorpamento del voto regionale con quello per Camera e Senato, ma gli ultimi tentennamenti del Pdl potrebbero far slittare ancora la data delle politiche e far tornare alle urne il 3 e 4 febbraio per la nostra regione. A questo punto per il Lazio non ci sono certezze. Intanto il Presidente della Provincia di Roma, candidato alla Regione per il Pd, Nicola Zingaretti denuncia gravi irregolarità nel procedimento di indizione delle elezioni.

Zingaretti - "Ho parlato con il prefetto Pecoraro, segnalandogli che abbiamo ricevuto l'intimazione ad adempiere dal movimento del cittadino. Il decreto è operativo ma nessuno ha messo in moto la macchina amministrativa -ha detto Zingaretti- Ho parlato con il ministro dell'Interno Cancellieri segnalandole il rischio di caos in cui si rischia di precipitare se il governo non interviene con rigore, per risolvere questo problema. Le ho segnalato questa anomalia e l'ho sollecitata ad adottare dei provvedimenti anche perché cominciano ad esserci tutti i presupposti per i reati di abuso di ufficio o di omissione di atti di ufficio perché non si rispetta un'ottemperanza prevista nel decreto". "Il ministro Cancellieri- ha aggiunto Zingaretti - mi è sembrata molto preoccupata e mi ha assicurato che avrebbe preso dei provvedimenti per scongiurare che si sprofondi nel caos più totale. Si è passati da un'ostilità politica alla totale confusione amministrative e questo e' incivile che avvenga nel Lazio, regione della Capitale d'Italia", ha concluso Zingaretti.

[19-12-2012]

 
Lascia il tuo commento