Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Metro C, il Cipe sblocca i fondi per terminare i lavori

Il sindaco Alemanno: "Contribuiranno Stato, Regione e Roma Capitale"

di Luca Siliquini


Dopo l’ultima protesta da parte di lavoratori e sindacati, avvenuta lo scorso 28 novembre, il Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) ha finalmente sbloccato i fondi per concludere la costruzione della Metro C. La cifra ammonta a 253 milioni di euro, erogati appunto per portare a termine l’infrastruttura. Il nodo viario è dunque salvo, e così i 1200 dipendenti che rischiavano di perdere il posto di lavoro.

“Dopo otto mesi abbiamo ottenuto finalmente l’erogazione, da parte del Cipe, di 253 milioni che permettono di mantenere aperti i cantieri della Metro C senza la sospensione dei lavori più volte temuta in questo periodo”. Così ha commentato i fatti il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, alla fine della riunione del Cipe svoltasi oggi a palazzo Chigi del.  Alemanno ha inoltre garantito che alla realizzazione dell’opera “contribuiranno lo Stato, la Regione e Roma Capitale”, aggiungendo che si tratta di “un segnale di grande importanza visto che ora la Metro C, la più grande infrastruttura viaria in costruzione nel Paese, arriverà fino al Colosseo. Per la tratta successiva si ricorrerà invece al project financing”.

Lo scorso 28 novembre - bene ribadirlo - i lavoratori della Metro C e B1, insieme ai sindacati Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil hanno indetto uno sciopero di 8 ore nei cantieri della metropolitana B1 e della metro C per protestare contro l’eventuale chiusura della tratta T3 tra San Giovanni e Colosseo. Protesta, a quanto pare, andata a buon fine.
 
TAG: metro c
 

[12-12-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE