Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio Iacullo, si allegerisce la posizione di Broccolo

la Cassazione accoglie il ricorso dell'avvocato del 50 enne. "Prove deboli contro il principale indiziato"

E’ stato accolto dalla Cassazione il ricorso di Mario Broccolo, il 50enne pregiudicato accusato di aver ucciso a coltellate la 30enne Alessandra Iacullo lo scorso 2 maggio a Dragona, in via Riserva del Pantano. L’avvocato di Broccolo contestava la mancanza di gravi indizi a suo carico ed i giudici gli hanno dato ragione annullando l’ordinanza di custodia cautelare. In attesa che la sua situazione sia rivalutata Broccolo rimane comunque in prigione. Secondo le motivazioni della sentenza ci sarebbe una scarsa valenza della testimonianza del teste Spagnoli che racconta di aver visto rientrare nel bar Broccolo alle 22:00, appena dieci minuti dopo la morte di Alessandra Iacullo. Secondo la Cassazione 10 minuti sarebbe stati troppo pochi per percorrere il tragitto dal luogo dell’omicidio fino al bar dove è stato visto dal teste. Inoltre sui vestiti del 50enne nessuno ha notato tracce ematiche.

I giudici affermano che “Broccolo non è da ritenersi il solo soggetto su cui gravano i sospetti di possibili contrasti con Alessandra Iacullo”, con la quale aveva avuto una relazione.

E’ possibile che ci siano altre “piste”, visto le problematiche relazioni della vittima che aveva da poco chiuso un lungo rapporto sentimentale con una donna sposata e stava frequentando un uomo che le chiedeva spesso denaro.

[08-11-2013]

 
Lascia il tuo commento