Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio Casalpalocco, freddato imprenditore di 74 anni

l'uomo era proprietario di una societÓ edilizia. "Esecuzione dovuta a vertenze personali"

E' stato ucciso con almeno cinque colpi di pistola al volto l'imprenditore di 74 anni Sesto Corvini. L'uomo è stato ucciso a Casal Palacco nei pressi della più centrale via Alessandro Magno mentre era a bordo del suo furgoncino. L'assassino o gli assassini lo hanno affiancato, hanno aperto lo sportello e gli hanno sparato al volto. Corvini era proprietario di una società di edilizia. Secondo gli investigatori l'omicidio sarebbe legato alle attività economiche del 74enne. I titolari degli accertamenti, coordinati dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani, stanno passando al setaccio i rapporti economici dell'uomo ed in particolare i contenziosi, sorti dopo l'acquisto di alcuni terreni appartenuti ad un consorzio fallito, a causa delle procedure di sgombero e di riscatto.

"E' molto probabile - ha detto Giovanni Adamo, comandante dei Carabinieri Gruppo Ostia - che si tratti di un'esecuzione dovuta a vertenze personali che il soggetto aveva con qualcuno: aveva diversi contenziosi. E' verosimile dire che il soggetto sia stato affiancato da un mezzo dal quale è sceso l'attentatore che ha sparato a distanza ravvicinata". Corvini, nato ad Acqua Santa Terme (AP) aveva precedenti per inosservanza delle norme edilizie e reati contro la pubblica amministrazione.

La notizia si sparge in fretta tra chi vive a Casal Palocco e c'è chi racconta che alla vittima, prima o poi, sarebbe accaduto qualcosa di grave e irreversibile. Circa trenta anni fa la vittima aveva acquistato all’asta per 250 milioni di lire le proprietà residue della società Generale Immobiliare. Tra le aeree acquisite da Corvini ce ne erano e ce ne sono diverse sullle quali insistevano proprietà private, per le quali sesti pare avesse chiesto anche il riscatto.

[09-10-2013]

 
Lascia il tuo commento