Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Brevi di Cronaca
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma » Brevi di Cronaca
 
 

Omicidio Castel di Leva, familiari della vittima smentiscono legami con mafie

I familiari di Vincenzo Femia, ucciso  a Roma nella notte tra il 24 e il 25 gennaio scorsi, respingono,  tramite i propri legali, la descrizione che gli inquirenti hanno dato del loro congiunto quale ''esponente di spicco e referente  della 'ndrangheta'' nella Capitale, coinvolgendolo anche nel sequestro di Paul Getty, avvenuto nel 2003.

In una nota firmata dagli avvocati Arcangelo Campilongo, Massimiliano Riga e Gaetano Romeo, i familiari di Femia, "nella totale consapevolezza della estraneità del loro compianto congiunto a vicende di tale gravità ", contestano quanto  pubblicato riguardo a lui dagli organi di informazione e  aggiungono "di non aver alcun rapporto di parentela con cosche  malavitose né tantomeno con soggetti ritenuti vicini alla criminalità organizzata".
 
 

[30-01-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE