Giornale di informazione di Roma - Sabato 01 ottobre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

In Trance

di Danny Boyle. Con James McAvoy, Rosario Dawson, Vincent Cassel

di Alessio Palma

Simon, banditore d'aste, collabora con una banda criminale per rubare un dipinto di Goya del valore di milioni di dollari. Dopo aver subito un colpo alla testa durante la rapina, si sveglia per scoprire che non ha memoria del luogo in cui ha nascosto il quadro. Dopo inutili sforzi per fargli riacquistare la memoria, il capobanda Frank assume l’ipnoterapeuta Elizabeth. Lo scavo nella psiche di Simon porterà i confini tra verità, suggestione e inganno a sfumare.

 Virtuosistico e vuoto, TRANCE è uno strano incrocio tra INCEPTION e un classico heist-movie. All’intricata articolazione narrativa corrisponde l’iperrealismo della messinscena: Boyle e il suo direttore della fotografia Anthony Dod Mantle optano per una fotografia aggressiva, che imita lo stato alterato di trance cui è sottoposto il personaggio di James McAvoy, tramite colori saturi e accesi. E’ l’elemento più interessante dell’opera, unito a un sound design stratificato e complesso, dove alla partitura di Rick Smith si aggiungono i contributi di Moby e Emelì Sande.

 A non convincere è la sceneggiatura, complicata sino al parossismo: TRANCE è strutturato come una serie di scatole cinesi, le identità dei personaggi sono costantemente messe in discussione da continui ribaltamenti di prospettiva, ma Boyle, e gli sceneggiatori Joe Ahearne e John Hodge, non riescono a gestire una tale mole di colpi di scena in meno di due ore di film e sono costretti a ricorrere, nel finale, al più facile e didascalico degli spiegoni.

Ne esce un film freddo ed estetizzante, puramente scenografico, mai attraversato da vera suspence e indifferente ai destini dei suoi personaggi, trattati come topi nella trappola del meccanismo narrativo. E i temi forti (la memoria, l’ambiguità umana, la forza dell’erotismo) restano sullo sfondo. Un gioco fine a sé stesso, preoccupato solo di irretire lo spettatore, ma che si dimentica non appena usciti dalla sala.

 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - boyle - mcavoy - dawson - cassel
 

[28-08-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE