Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

La madre

di Andres Muschietti. Con Jessica Chastain, Nikolaj Coster-Waldau

di Alessio Palma

Le sorelline Victoria e Lilly, insieme al padre, spariscono dal loro quartiere senza lasciare traccia. Cinque anni dopo il loro zio Lucas  e la sua fidanzata Annabel non hanno smesso di cercarle. E quando inaspettatamente le bambine vengono ritrovate vive in una baita fatiscente decidono di prenderle in affidamento. Annabel cerca di far riprendere alle piccole una vita normale ma inizia a percepire una presenza malvagia in casa.

L'esordio dell'argentino Muschietti sviluppa l'idea alla base del suo corto del 2008, dallo stesso titolo, che ha avuto un notevole riscontro in vari festival internazionali e attirato l'attenzione di Guillermo Del Toro, il quale figura come co-produttore del lungometraggio. Con la sua mescolanza di elementi fiabeschi e horror, LA MADRE richiama in effetti le tematiche care ad alcuni film del regista messicano, come LA SPINA DEL DIAVOLO, prima fra tutte quella del passato che ritorna come presenza viva e tangibile.

Il film presenta molti luoghi comuni del genere e per almeno metà della sua durata riesce a dosarli con una certa efficacia. In particolare le sequenze all'interno della nuova residenza delle bambine riescono a produrre una certa tensione, merito di una regia semplice e lineare che costruisce la suspense senza fretta, prendendosi i tempi necessari a preparare l'improvvisa irruzione dell'orrore in un contesto di assoluta normalità domestica. Ma questo sobrio impianto visivo viene incrinato dall'uso di flashback graficamente grossolani, ai limiti del kitsch e da un lacrimevole finale tirato per le lunghe che sfocia nel ridicolo involontario.

Con una chiusura più secca e la rinuncia ad alcuni prevedibili clichè dell'horror contemporaneo, a cominciare da una colonna sonora invadente e didascalica, LA MADRE avrebbe potuto essere una discreta favola nera, nutrita di umori e atmosfere tipicamente spagnole (i titoli di testa sembrano omaggiare LO SPIRITO DELL'ALVEARE di Erice). Ma resta nella sostanza un'occasione mancata: e anche un'attrice di valore come la Chastain appare fuori parte.

 

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[21-03-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE