Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Sessions

di Ben Lewin. Con John Hawkes, Helen Hunt, William H. Macy

di Alessio Palma

Mark O'Brien, giornalista e poeta, ha trascorso quasi tutta la sua vita in un polmone d'acciaio, a causa della poliomelite che lo ha colpito da bambino. A 38 anni sente il bisogno di una relazione con una donna e di riscoprire il proprio corpo. Con l'aiuto di una terapista e il sostegno di un prete cerca di realizzare il suo proposito.

Premio del pubblico all'ultima edizione del Sundance Film Festival, il film, basato su una storia realmente accaduta, ha fruttato ad Helen Hunt una nomination agli Oscar come miglior attrice non protagonista. E, in effetti, l'opera di Ben Lewin è un perfetto film da Sundance: produzione indipendente, tematica sociale trattata in chiave intimista, stile semplice e diretto.

Gli incontri del titolo sono quelli con Cheryl, la terapista sessuale che col proseguire delle sedute inizia a provare un coinvolgimento sentimentale verso Mark, e le confessioni con padre Brendan, inizialmente spiazzato di fronte al desiderio erotico dell'uomo ma poi comprensivo e infine complice. Ma sono anche quelli con le persone, perlopiù assistenti sociali, che costellano il percorso terreno del protagonista e che tutte, in un modo o nell'altro, imparano qualcosa da lui e ne restano ammaliate, al di fuori dell'ambito professionale.

Sotto questo aspetto il film è un po' troppo consolatorio, finendo per fare di Mark una sorta di santino bisognoso di dare e ricevere amore, sottolineando a più riprese le sue qualità intellettuali. La sceneggiatura mette troppa carne al fuoco in appena 90 minuti: se i tre personaggi principali sono delineati abbastanza bene, le figure di contorno necessitavano di un approfondimento maggiore (il rapporto tra Mark e la giovane Amanda, ad esempio, è risolto in modo assai frettoloso). La regia, piuttosto piatta, da prodotto televisivo di medio livello, impedisce al film di risultare memorabile: e quando anzi tenta la carta della poesia strappalacrime, tutto diventa troppo lezioso e calcolato per convincere davvero.

 



votanti: 2
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - lewin - hawkes - hunt - macy
 

[21-02-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE